Il Sentiero Val di Sole

Da San Giacomo a Cis percorrendo un tratto del Sentiero Val di Sole e proseguendo lungo la via Romana, tra trincee e luoghi carichi di storie e leggende.

 

sentiero val di sole camino jacopeo san giacomo

Partendo dal Solasna potete decidere di percorrere due strade, se avete cani al seguito vi consiglio di evitare il tratto del Sentiero Val di Sole che da San Giacomo arriva fino alle trincee e di percorrere la strada romana asfaltata che porta attraverso i meleti e la pineta allo stesso punto.

 Se avete cani risulta spiacevole perché in diversi tratti, sono stati costruiti dei ponti di metallo con delle grate a maglia larga e molto rumorosi ed i cani non ci camminano volentieri, ho assistito a scene di persone obbligate a prendere in braccio un pastore tedesco per farlo attraversare.

sentiero val di sole camino jacopeo san giacomo

sentiero val di sole san giacomo

Vi consiglio di partire poco sopra la Chiesa di San Giacomo sulla  strada di campagna che prosegue tra i meleti per un km circa per poi unirsi al Sentiero Val di Sole, il percorso è ben segnalato facendo parte del percorso del cammino Jacopeo d’Anaunia.

sentiero val di sole camino jacopeo

 

L’altra strada è il Sentiero Val di Sole che passa poco sopra il paese di San Giacomo attraverso i boschi e le pinete, pianeggiante, ombreggiato e comodo, segue l’antico canale di irrigazione delle campagne, “la Lec” che, partiva dalla Val di Rabbi e passava per Arnago, Terzolas,  Samoclevo e San Giacomo.

La via Romana con i suoi duemila anni di storia, rappresenta un corridoio percorso da uomini, soldati, allevatori, commercianti e pellegrini.

sentiero val di sole bozzana

Una volta raggiunta la pineta, se arrivate dalla strada, si prende la strada che si alza sino all’imbocco della Valle di Salin dove è presente il pannello illustrativo delle Trincee di Bordiana-Bozzana. Se arrivate dal Sentiero Val di Sole la segnaletica vi indica di proseguire qualche metro. Da questo punto, un sentiero a serpentina si alza fra gli affioramenti rocciosi lungo il crinale sino a raggiungere i primi tre siti con i ruderi delle postazioni risalenti all’epoca della Grande Guerra. Sono ben visibili le feritoie di osservazione e il camminamento scavato nel terreno.

sentiero val di sole trincee

Man mano che salite appare più evidente la posizione strategica e dominante sulla valle. Volendo poi visitare il 4° sito delle trincee ( quello più basso) e la “calcàra” fornace per la produzione della calce, si percorre a ritroso prima lo stesso sentiero e poi a scendere la strada forestale in direzione dell’abitato di Bordiana sino al Capitello di Sant’Antonio.

sentiero val di sole santantonio

 

Da qualsiasi strada veniate vi ritrovate ad un certo punto davanti a questa cappella votiva dedicata a Sant Antonio, bel posto dove sedersi all’ombra sulle panchine e dove trovate  una fontana per dissetarvi.

L’itinerario continua pianeggiante lungo il sentiero tra pini ornielli e caprini fino al ponticello in legno al “tof da piz” da qui il sentiero diventa più largo , e ad un certo punto siete circondati dalle reti di paramassi costruiti a tutela dei paesi di Bordina e Bozzana.

sentiero val di sole calcara

Alla fine dei due tratti di rete, si trovano due massi ricchi di storia e leggende, che purtroppo non sono segnalati con cartelli o altro…

Uno, poco affiorante dal suolo, è situato a monte della strada ed è noto come “Sas dela Stria” (sasso della strega) è un masso che presenta in superficie un’impronta, simile alla pianta di un piede, attribuita alla  leggenda di una strega che in questo luogo aveva dimora.

L’altro masso di maggiori dimensioni è chiamato “Sas del Mort”. Anni orsono, i defunti di San Giacomo erano portati a spalla per la tumulazione, sino al paese di Livo seguendo appunto questa via romana, il tragitto era lungo e faticoso e la salma veniva posta su questo masso per qualche minuto per permettere agli uomini che la portavano di riposare.

A questo punto il sentiero prosegue in mezzo alla pineta e a distese di profumatissime eriche per poi allacciarsi alla strada che porta alle prime case di Cis attraversando appezzamenti pianeggianti  di meleti. A questo punto potete scegliere di andare a riposarvi e a bere qualcosa di fresco al Bar del Comun di Cis  attraversando le belle vie di questo paese o di tornare sui vostri passi e rientrare in Val di Sole.

E’ una delle passeggiate che consigliamo con piacere ai nostri ospiti dell’ agriturismo è interamente percorribile con il passeggino ( a parte la visita ai siti più alti delle trincee) non è faticosa ed è ricca di storia, cultura e biodiversità.

Anche gli amici del Trentino dei Bambini hanno fatto questa passeggiata, leggete qui.

 Per il momento vi ho raccontato questo tratto del Sentiero Val di Sole e a breve il percorso che vi porterà da San Giacomo alla Val di Rabbi, attraverso paesi, cultura contadina, la rocca di Samoclevo  e Castel Caldes, i massi coppellati, grotte e la palestra di roccia di Sasias.

Arrivati a San Giacomo è d’obbligo a questo punto una sosta nel nostro Agriturismo, vi ospiteremo con piacere e, con i nostri piatti vi allieteremo la giornata. per vedere cosa vi proponiamo cliccate qui.

 

A presto e buona passeggiata sul Sentiero Val di Sole!

                                                             Alcune immagini e parte dei testi sono tratti dal libro: Sentiero Val di Sole dell’amico Giorgio Rizzi.